Solo in Italia…

Gianpaolo Scafarto, maggiore dei carabinieri che ha indagato sul caso Consip, da pochi giorni è assessore alla Legalità nel Comune di Castellammare di Stabia (Napoli), in una giunta guidata da un sindaco di Forza Italia.

La notizia curiosa è che Scafarto era finito sotto inchiesta a Roma per falso e rivelazione del segreto d’ufficio e depistaggio. E’ stato accusato di aver costruito prove false contro Matteo Renzi e la sua famiglia.

Difatti ha chiesto scusa all’ex presidente del Consiglio. Dice: “Mi sono scusato non solo con i Renzi, ma con tutti quelli che involontariamente posso aver tirato in ballo nell’inchiesta”.

Ricapitoliamo: un carabiniere costruisce prove false contro un Presidente del Consiglio, poi chiede scusa come se nulla fosse e successivamente diventa assessore alla legalità!

Solo in Italia…