Il recovery plan di Legambiente

Legambiente ha alzato il velo sul suo piano nazionale di ripresa e resilienza. Cento pagine che presentano 23 priorità di intervento, 63 progetti territoriali specifici e cinque riforme necessarie per “un’Italia più verde, innovativa e inclusiva”.
Una lista per utilizzare al meglio i 101 miliardi che arriveranno sull’Italia con il recovery plan verso i capitoli di transizione ecologica, rivoluzione verde e mobilità sostenibile.
Legambiente ha deciso di mettere nero su bianco le sue proposte dopo aver sperimentato il ritardo del governo sulle scelte ambientali necessarie.
Il piano di Legambiente è un libro di desideri concreti completato dagli interventi normativi necessari per accelerare la conversione verde dell’Italia verso la neutralità climatica. Le opere necessarie (e quelle da evitare) sono elencate nei dettagli regione per regione e secondo i sei pilastri disegnati dalla Ue per ottenere i fondi.

Il dossier con l’elenco dettagliato si può consultare e scaricare QUI.

Tutti suggerimenti per provare a migliorare il recovery plan del governo e per evitare che la necessità di far ripartire l’economia dopo lo tsunami della pandemia faccia perdere l’occasione per programmare una vera riconversione ambientale per tutta l’Italia.