Greta ha ragione!

FRIDAY FOR FUTURE – 15 MARZO 2019

Sciopero per il Clima

 

 

APPELLO ALLA PARTECIPAZIONE

La giovane Greta sta facendo una cosa enorme, eroica, sta accendendo le luci sulla fase storica più importante che ci coinvolge tutti.

Il cambiamento del clima è qualcosa di cui bisogna prima prendere coscienza, conoscere e riconoscerne i pericoli, gli effetti e le cause, e a cui far seguire azioni conseguenti e coerenti.

 

Greta ha ragione,

perché viviamo un sistema Terra che è sensibile al cambiamento climatico, una alterazione della temperatura comporta sensibili modifiche ai processi fisici e chimici che interessano la vita sul pianeta. Rispetto all’era preindustriale registriamo un aumento della temperatura media di cica 1°C, e, allo stato attuale, per ogni decade l’aumento sarà di circa 0,2°C. Per l’inerzia legata ai fenomeni naturali, raggiungeremo, in ogni caso, in pochi anni il riscaldamento di 1,5°C.

1°C, 1,5°C … poca cosa?. Negli ultimi 10000 anni la variazione di temperatura non sembra essere mai stata così rilevante. Negli ultimi 10000 la specie umana ha vissuto e prosperato grazie anche a questa stabilità climatica.

I servizi degli ecosistemi e il “capitale naturale” fondamentale anche per il nostro benessere sono fortemente minacciati e destinati a profonde modificazioni dovute al riscaldamento in corso.

 

Greta ha ragione,

dato che gli impatti già in atto e prossimi saranno molteplici e di portata quasi non immaginabile.

Le barriere coralline sono destinate a scomparire, i livelli degli oceani stanno aumentando, interi ecosistemi sono a rischio, gli eventi meteo estremi si stanno amplificando, ripercussioni su sistemi agricoli e produzioni saranno di portata rilevante, le popolazioni più povere, già pesantemente svantaggiate, saranno le più vulnerabili e pesantemente gravate degli effetti di un clima più caldo.

 

Greta ha ragione,

saremo considerati degli sciagurati e degli incapaci se non prenderemo seriamente contromisure per mitigare e ridurre da subito e nei prossimi decenni le emissioni climalteranti per contenere al massimo il riscaldamento prossimo futuro. I report scientifici sottolineano come anche pochi decimi di riscaldamento in meno siano importanti per la riduzione degli effetti e degli impatti.

 

Greta ha ragione,

saremo considerati degli incoscienti se non metteremo subito, e in modo concertato e solidale, in atto tutte le strategie di adattamento a quello che sappiamo con ragionevole certezza accadrà. In tal modo potremo limitare i danni e costruire i presupposti per un società globale capace di futuro anche in condizioni climatiche meno favorevoli.

 

Greta ha ragione,

nel porci di fronte al vuoto del modello di società che ci ha condotti fino a qui impedendoci, fino ad ora, di capirne i limiti e modificarne i cardini, gli scopi e le prospettive. Occorre cambiare la visione di società, da società di mercato a società di essere umani alla ricerca del ben-essere globale.

Il 15 marzo 2019 aderiamo alla manifestazione per il clima, sosteniamo le iniziative dei giovani, sollecitiamole, uniamoci tra di noi e a loro. Coinvolgete i vostri figli, i vostri amici, i vostri colleghi e conoscenti, le associazioni di cui fate parte… è importante, Greta ha ragione!

 

 

MANIFESTAZIONI ORGANIZZATE DAGLI STUDENTI,
MA BEN APERTE A TUTTI, NELLA NOSTRA PROVINCIA

PESARO

Alle ore 9:00 gli studenti delle scuole superiori Cecchi, Marconi, Mamiani e S. Marta e Branca inizieranno 3 cortei diversi, dai rispettivi plessi, che confluiranno tutti in Piazza del Popolo alle 11.00! Qui, i Rappresentanti degli Studenti – e soltanto loro – prenderanno la parola ed enunceranno le loro ragioni.

FANO

Ore 8:00 ritrovo davanti le sedi scolastiche, nelle quali si terrà un momento di raccoglimento tra studenti; ore 9:15 partenza a piedi in direzione di piazza XX settembre; ore 9:30 ritrovo in piazza XX settembre e inizio manifestazione insieme alla cittadinanza.

URBINO

La manifestazione di Urbino si svolgerà dalle 10:00 alle 12:00 circa coinvolgerà circa 2500 studenti delle 4 scuole superiori di Urbino e vorrà circondare con una catena umana il Palazzo Ducale per una estensione di circa 3 km.; terminerà con una lettura di un documento con le richieste e le proposte da parte dei rappresentanti delle Scuole di Urbino  al Sindaco. Questi, a sua volta consegnerà a loro il piano di azione del Comune per l’adattamento al cambiamento climatico

 

TUTTA LA CITTADINANZA E’ INVITATA