Volontariato e ambiente, nove associazioni si mettono in rete

Nove enti e associazioni si mettono in rete: il progetto Meraki, sostenuto dal Comune di Pesaro e dal Comune di Vallefoglia, si aggiudica infatti la terza edizione del bando “aggregAzione” della Regione ottenendo il contributo di 44.980 euro. Promuovere nuove forme di aggregazione, crescita e formazione, favorire l’inclusione, la cittadinanza attiva e lo sviluppo culturale dei giovani: questi gli obiettivi del progetto presentato dall’associazione capofila Zoe’, da quelle partner Tavolo Studenti, Tribaleggs, Seconda Era, Giogrà e da quelle collaboratrici Stramonio e Critica Pop e dal Comune di Pesaro e Comune di Vallefoglia. Meraki, che in greco significa “essenza di se stessi”, si riferisce all’agire con creatività, impegno e passione. «Capacità che i ragazzi – ha detto Mila Della Dora, assessore con delega alle Politiche giovanili – delle 7 associazioni ideatrici del progetto riusciranno a convogliare in azioni, eventi e iniziative concrete da qui alla fine dell’anno, apportando nuova linfa, stimoli e attività alla rete associativa del territorio, messa a dura prova dalla pandemia». Quello ottenuto da Meraki è «un risultato importante, soprattutto se si considera il momento complesso che stiamo vivendo – ha detto Andrea Biancani, vicepresidente del Consiglio regionale – e che costringe molte associazioni a doversi reinventare. Grazie al finanziamento regionale, nel 2021 i progetti arricchiranno il territorio con attività di aggregazione, formazione e impegno civico, favorendo il coinvolgimento dei ragazzi nella comunità. Un tema su cui è necessario investire aumentando le risorse destinate alle Politiche giovanili e la pubblicazione di bandi che favoriscano la capacità di fare rete tra enti e associazioni». Il progetto valorizzerà le esperienze spontanee nate negli ultimi 4 anni in luoghi strategici del territorio e gestite dalle associazioni partner: il centro Aradia del Parco Miralfiore; la Stazione Gauss, in particolare lo spazio ArtLab-laboratorio per artisti; il Centro Civico di Gradara. Il progetto si propone inoltre di accompagnare, nella loro nuova esperienza associativa, i ragazzi del gruppo informale Sistema Critico che hanno fondato ad agosto 2020 l’associazione Critica Pop, che coinvolge giovani tra i 16 ed i 30 anni del territorio dell’Ats n.1 all’insegna di volontariato, promozione ambientale e di cittadinanza attivita.