venerdì 23 Febbraio 2024
Articoli 2023In evidenza

La Regione ha tolto i soldi alla Fattoria della legalità

«È una cosa scandalosa. Ogni anno finanziano di tutto, compresa la sagra della porchetta, con tutto il rispetto, ma non trovano 240mila euro per il recupero della Fattoria della legalità…». Giuseppe Paolini, sindaco di Isola del Piano e presidente della Provincia, non le manda a dire sulla bocciatura dell’emendamento al bilancio regionale 2024 che prevedeva di finanziare un progetto per il recupero del primo bene che in provincia sia stato mai sottratto alla criminalità organizzata. Si tratta di un voto che ha lasciato basito anche il vice presidente del consiglio regionale Andrea Biancani, Pd. «Tra i vari emendamenti discussi in aula per garantire risorse al territorio – dice – c’era anche quello per la Fattoria della Legalità. Si tratta di una casa di campagna che necessita di importanti lavori di riqualificazione per poter diventare un centro educativo rivolto in particolare alle scuole e ai giovani, dove diffondere la cultura delle legalità e il contrasto alle mafie. Il progetto era stato finanziato dalla giunta Ceriscioli nel 2020. La giunta Acquaroli appena insediatasi, ha scippato i 240mila euro previsti per destinarli a varie “mancette“ chieste dai consiglieri regionali di maggioranza. Una scelta gravissima, vista l’importanza anche simbolica di tale intervento. Da anni chiedo il ripristino dei fondi, ma per l’ennesima volta la proposta non è stata votata dalla maggioranza di centrodestra».Ancora Paolini: «Un pregiudizio ideologico? Ma no, qui si tratta di pura e semplice indifferenza. Evidentemente a quei consiglieri non importa che alla Fattoria ogni anno facciano visita scrittori, poeti, giornalisti, don Ciotti. Ma vorrei che fosse chiaro che se non riusciamo a installare una famiglia di custodi in quella casa, che la mostri abitata tutto l’anno, ebbene, avranno vinto loro, la criminalità organizzata».