venerdì 24 Maggio 2024
Sanità/Salute

Serve un assessore alla Sanità, non una delega a metà

LA NOMINA di Federico Talè a consigliere con delega alla Sanità, al posto del dimissionartio Volpini, ha creato malumori in Ancona. Molti, infatti, non hanno preso bene la scelta, da parte del presidente Luca Ceriscioli, di affidare un altro importante ruolo ad un pesarese. Ma anche nella provincia di Pesaro e Urbino c’è chi avrebbe preferito un altro tipo di scelta. Scrive ad esempio Art.1-Mdp: «Ci vuole un assessore alla sanità a tempo pieno. Troppi e importanti i problemi da affrontare: liste di attesa, nuovo piano socio sanitario regionale, completamento ospedali di comunità, rete d’emergenza e dulcis in fundo la questione degli investimenti. Per ridare alla politica la responsabilità delle scelte serve un cambio di rotta deciso e chiaro. Non basta una delega a metà – continua Art.1-Mdp –. La riconsegna della stessa da parte di Volpini sembrava un passo verso questa direzione, ma la nomina di Talè dimostra che non c’è volontà di cambiare e innovare. Niente contro le persone, ma forse la scelta di ieri segna anche un giudizio negativo sull’operato e le considerazioni fatte pubblicamente da Fabrizio Volpini, che aveva espresso perplessità proprio sull’impossibilita di svolgere il ruolo per la mancanza di chiarezza dello stesso. Un giudizio sulla persona che ovviamente non ci appartiene. Si è persa un’occasione e purtroppo anche tempo prezioso per i marchigiani».