giovedì 25 Luglio 2024
ArticoliArticoli 2009

DistrAzione di massa

distrazione_massa.jpg
L’Italia
ha i peggiori indicatori economici dell’Occidente, ma nonostante
questo i temi politici attualmente più discussi sono: esami di
dialetto, vessilli regionali, inno nazionale, ronde e naturalmente
escort e festini.

Sappiamo
che all’estero la stampa internazionale si occupa invece di
ripensamento del modello capitalistico finanziario, riforme del
welfare, effetti della crisi sugli equilibri internazionali. In
Italia tutto questo dibattito non sembra proprio interessare nessuno.
E
questo nonostante il fatto che il Pil italiano sia crollato in un
anno del 6 per cento, la produzione industriale sia diminuita del 20
per cento, gli introiti fiscali siano scesi del 30 per cento e il
fabbisogno dello Stato sia praticamente raddoppiato determinando un
debito pubblico record.
Queste
cifre alcuni anni fa le aveva l’Argentina… ma in Italia tutto
questo non sembra destare particolare preoccupazione.
Sembra
di assistere a una scena da Titanic: la nave sta affondando ma i
musicisti continuano a suonare.

D’altronde
è indubbiamente più semplice discutere della bandiera delle Marche,
del Molise o dell’Umbria oppure dell’inno padano o pugliese piuttosto
che di disoccupazione (in autunno si prevede la chiusura di migliaia
di imprese). Discorsi troppo seri possono minare la fiducia del
popolo italiano! Meglio distrarlo…

P.s.:
Leggo che la “nuova” Alitalia (la “nuova” compagnia voluta
dal governo di centro-destra) non naviga in acque tranquille. Vai con
le armi di distrAzione di massa!!!!