I pm svizzeri… comunisti anche loro?

100809_mediaset.jpg
Leggo
sul Corriere della Sera la notizia riguardante i fondi neri Mediaset,
sui quali la Svizzera aprirà un’inchiesta di riciclaggio. Ecco il
testo:

Per
quattro manager Mediaset in Svizzera la prossima settimana sarà
aperta un’inchiesta formale per riciclaggio di denaro. Lo riporta
l’agenzia Ap. Lo scorso 2 settembre i pm svizzeri hanno chiesto
all’ufficio federale delle inchieste di aprire il procedimento, ha
detto all’agenzia di stampa Walburga Bur, portavoce del ministero
della Giustizia. I quattro manager sono accusati di riciclaggio di
denaro in relazione a un’inchiesta sulla sovravalutazione di film e
diritti tv.L’inchiesta è in pratica un filone di quella di
Milano, secondo la quale Mediaset ha acquistato dal 1992 al 1999
diritti tv a prezzi gonfiati di film americani. Secondo l’inchiesta
italiana le accuse sono di appropriazione indebita, frode fiscale e
falso in bilancio.
L’inchiesta ha per oggetto fondi di Mediatrade
spa, la società che dal 1° febbraio 1999 aveva sostituito Mediaset
e la maltese Ims nell’acquisto dei diritti tv tra Los Angeles e
Lugano dal 2000 al 2002,quindi anche quando Berlusconi (dal 2001)
era presidente del Consiglio
. La Svizzera nel 2005 ha congelato
conti bancari per oltre 150 milioni di franchi svizzeri e iniziato
una propria indagine su quattro manager Mediaset.

Mi
chiedo: perché Silvio Berlusconi voleva, con il Lodo Alfano,
considerarsi sopra gli altri cittadini italiani? Perché la Giustizia
avrebbe dovuto utilizzare “due pesi e due misure” tra il Premier
e , ad esempio, un normale operaio metalmeccanico?
I
pm svizzeri… sono tutti comunisti anche loro?