domenica 10 Dicembre 2023
ArticoliArticoli 2010

La domanda non rivolta a Spacca

spacca_san_michele.jpg
Non
mi piacciono gli incontri politici pre-elettorali perché li ritengo
“poco credibili”, anche se è giusto parteciparvi per ascoltare e
prendere nota…

Lunedì
15 febbraio si è svolto a San Michele al fiume un incontro sul tema
della centrale turbogas di Corinaldo che ha visto la presenza del
presidente uscente della Regione Marche Gian Mario Spacca,
ricandidatosi nella coalizione Pd-Idv-Udc. Un resoconto di ciò che
Spacca ha detto si può leggere nell’articolo diMarco
Spadola sul Corriere Adriatico.

La
presenza di Spacca è stata importante per poter registrare il “no”
della Regione sulla centrale. Un “no” espresso anche con ilparere
negativo contenuto nel Decreto n. 22/VAA_08 del 19/02/2010
.
Ma
poiché siamo in campagna elettorale anche il Pdl si è mobilitato
per informare che i partiti di centro-destra sono contrari alla
centrale turbogas.
E
difatti nel giro di una settimana ecco due iniziative che sembrano
avere proprio il sapore di marketing pubblicitario. La prima è
l’incontro “privato” conl’on.
Saglia a Corinaldo
di sabato 13 febbraio, la seconda è
l’incontro avvenutovenerdì 19 febbraio a Roma con il viceministro Urso
che ha visto protagonista la candidata regionale del Pdl Elisabetta
Foschi.

Diffidando
un po’ degli appuntamenti “elettorali” avevo preparato, per
l’incontro con Gian Mario Spacca, una domanda che però non ho fatto
in tempo a porre prima della conclusione della serata.
Con la
mia domanda volevo chiedere a Spacca e ai futuri candidati Pd-Idv-Udc
che fine farà il Pear (Piano Energetico Regionale) visto e
considerato che quel Pear è stato voluto fortemente dai partiti di
sinistra che ora non sono più nella coalizione che sostiene Spacca.
La mia domanda era la seguente: “I cittadini marchigiani possono
sentirsi sicuri se nel futuro, a difendere il Pear, dovessero esserci
i rappresentanti dell’Udc?
”.
In
passato l’on. Casini non ha fatto mistero delle proprie “simpatie”
verso il nucleare. E il dossier “Per
una rivoluzione industriale sostenibile
”, presente sul sito
dell’Udc, è ambiguo.

Ho
l’impressione che se a vincere nella Regione Marche fosse il
centro-destra l’attuale Pear non godrebbe di buone simpatie… ma
sarei stato curioso di sentire Spacca rispondermi sulla sua “nuova”
alleanza. Penso che il futuro del Pear sia determinante per capire
quale sarà la soluzione alla questione della centrale turbogas di
Corinaldo.