sabato 13 Aprile 2024
ArticoliArticoli 2012

Casetta dell’acqua a Mondavio

img_5788_2.jpg
Dopo
quella del guado provvisorio sul fiume Cesano un’altra inaugurazione,
anche se meno solenne, ha interessato il comune di Mondavio. Si
tratta della cosiddetta “casetta dell’acqua” FonteAlma, una
struttura analoga a quelle che stanno spuntando come funghi nei
comuni della zona.

La
casetta di Mondavio, alloggiata nel parcheggio di Via XXIV maggio
nella frazione di San Michele al fiume, è stata installata dalla
stessa ditta che ha realizzato quelle di San Costanzo e Monte Porzio,
la Celli S.p.A., di cui FonteAlma è un marchio. L’inaugurazione si è
svolta il 30 marzo scorso e vi hanno preso parte i bambini della
scuola primaria di San Michele, nonché una discreta e incuriosita
folla di cittadini. Il sindaco Talè, dopo aver tagliato il nastro
tricolore sorretto da due alunni, ha tenuto un breve discorso
ringraziando in primis la scuola per essere intervenuta ma
soprattutto l’assessore all’ambiente Zenobi, che ha seguito in
particolare il progetto. Il primo cittadino ha quindi illustrato la
modalità di utilizzo della casetta appena consegnata ai cittadini:
si tratta di un erogatore di acqua naturale e frizzante identica a
quella che esce dal rubinetto di casa, ma con il pregio di essere
ulteriormente filtrata con carboni attivi che le tolgono eventuali
sospensioni, sapori e odori, come ad esempio quello
dell’indispensabile cloro. L’acqua potrà essere prelevata
utilizzando sia le monete sia le chiavette ricaricabili (reperibili
nel vicino negozio di alimentari) ed il costo al litro è di 5
centesimi, sia per quella naturale che per quella frizzante.
L’utilizzo della casetta permetterà di risparmiare la plastica delle
bottiglie, visto che potranno essere usati i contenitori di vetro;
dal punto di vista igienico la casetta è molto sicura, dato che è
stata studiata e ha ottenuto tutte le certificazioni igieniche che
esistono a livello europeo. Nel suo discorso il sindaco ha tenuto a
precisare che la casetta dell’acqua costituisce un tassello ulteriore
che si inserisce nella politica dell’attuale amministrazione, molto
vicina all’ambiente, ricordando inoltre la raccolta differenziata
porta a porta, sistema che il nostro comune ha sperimentato per primo
a livello provinciale ottenendo ottimi risultati: è notizia recente
che Mondavio ha raggiunto il 75% della differenziata, risultato che i
comuni attorno fanno fatica a raggiungere, e questo grazie non tanto
alla bravura dell’amministrazione quanto alla sensibilità dei
cittadini. Sempre in materia di ambiente Talè ha ricordato i
numerosi pannelli fotovoltaici che il comune ha installato sulle
strutture scolastiche e sportive e che a breve saranno posizionati
anche sul tetto dell’ex-consorzio, presso il quale verrà trasferita
la biblioteca e dove verrà creato un centro ludico per i bambini. Il
sindaco ha concluso raccomandando ai presenti di fare il migliore uso
possibile della casetta appena inaugurata, quindi i bambini e i
cittadini intervenuti hanno potuto assaggiare gratuitamente l’acqua,
utilizzando i bicchieri rigorosamente riciclabili forniti
dall’amministrazione; i primi commenti colti qua e là tra i presenti
sono stati positivi, l’unica critica che si poteva muovere era la
temperatura dell’acqua, decisamente fredda (forse troppo). Ad una
nostra domanda su quali saranno i costi dell’operazione casetta per
il nostro comune, l’assessore Zenobi ci ha risposto precisando che le
utenze (acqua ed elettricità) saranno a carico del comune, mentre i
costi della manutenzione della struttura saranno completamente a
carico dell’azienda che l’ha installata.

A
questo punto ci aspettiamo che dopo la casetta FonteAlma la
sensibilità dell’attuale amministrazione sul tema dell’acqua si
concretizzi anche conl’inserimento
nello statuto comunale del riconoscimento del diritto umano
all’acqua
, modifica che è stata proposta dal gruppo Fuoritempo
da più di due anni e che ancora giace negli uffici comunali.

{gallery}varie/2012/acqua{/gallery}