sabato 15 Giugno 2024
Articoli 2019

Delibere antifasciste del comune di Mondavio

Il 16 maggio 2019 l’ANPI Valcesano aveva segnalato al Gruppo Fuoritempo due ordini del giorno presentati al Consiglio comunale di San Lorenzo sul tema dell’antifascismo: il primo sul divieto di concedere spazi ad organizzazioni di ispirazione fascista e il secondo sullo scioglimento dei partiti fascisti.
Questi due OdG fanno parte di una campagna promossa a livello nazionale dall’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.
Il Comune di San Lorenzo aveva approvato la delibera sullo scioglimento del partito fascista, ma non quella sul divieto a concedere spazi ad organizzazioni di ispirazioni fasciste.

Poiché la tematica antifascista rappresenta un tema fondante del Gruppo Fuoritempo abbiamo deciso di aiutare l’ANPI in questa campagna proponendo i due OdG all’amministrazione comunale di Mondavio.
Abbiamo così coinvolto i due consiglieri di maggioranza Sauro Bigelli ed Enrico Secchiaroli.
Bigelli e Secchiaroli hanno fatto un ottimo lavoro presentando i due ordini del giorno al consiglio comunale che li ha approvati entrambi nel corso dell’assemblea del 29 luglio scorso, rispettivamente con le delibere 36 e 37:

APPROVAZIONE ORDINE DEL GIORNO RELATIVO A: “DIVIETO DI CONCESSIONE SPAZI PUBBLICI COMUNALI AD ORGANIZZAZIONI, MOVIMENTI E PARTITI NEOFASCISTI E XENOFOBI” – RELATORI CONSIGLIERI BIGELLI SAURO E SECCHIAROLI ENRICO.

APPROVAZIONE ORDINE DEL GIORNO RELATIVO A: “RICHIESTA DI SCIOGLIMENTO DI ORGANIZZAZIONI E PARTITI DI ISPIRAZIONE FASCISTA – RELATORI CONSIGLIERI: BIGELLI SAURO – SECCHIAROLI ENRICO.

Il Gruppo Fuoritempo ringrazia per la collaborazione i due consiglieri Bigelli e Secchiaroli e tutto il consiglio comunale di Mondavio che ha approvato le due delibere all’unanimità.

Segnaliamo l’articolo del Corriere Adriatico che riporta la notizia dell’approvazione delle delibere da parte del Consiglio della Provincia di Pesaro e Urbino.

Riportiamo infine il testo letto dal consigliere Sauro Bigelli prima delle votazioni delle due delibere.

Consiglio comunale di Mondavio
lunedì 29/07/19

La nostra Costituzione della Repubblica Italiana è una bella Costituzione, perché nata dai padri costituenti che hanno vissuto direttamente il drammatico periodo storico fascista e nazi-fascista sfociato nell’orrenda seconda guerra mondiale.
La Costituzione Italiana è figlia della Resistenza, di giovani che hanno speso la loro vita negli anni più belli e gioiosi della loro giovinezza per riscattare la dignità e la libertà degli italiani di allora e la nostra, che siamo venuti dopo.
Valori che nella società odierna vengono oscurati con le false problematiche allarmistiche sull’immigrazione che andrebbero affrontate in tutt’altro modo.
C’è il rischio che ci si abitui alla situazione attuale e che la perdita dei valori sia accettata come normale, con enorme danno delle generazioni future.
Se vogliamo una società che promuova azioni che tutelano la dignità della persona, occorre sapere dove sono i confini tra bene e male, tra giusto e ingiusto, tra lecito e illecito, occorre sapere che esistono dei limiti che non vanno oltrepassati, agire senza calpestare gli altri, creare rapporto di rispetto per gli altri.
Sempre più frequenti sono gli episodi di intolleranza e le intimidazioni verso il diverso, fomentate dall’odio sui diversi social della rete, che può essere per il colore della pelle, per la religione, per il sesso o per la semplice diversità di opinione.
Ricordiamo tutti il raid razzista nel febbraio 2018 nella città di Macerata, quando un attentatore sparò da una macchina in corsa a sei persone africane solo perché si trovavano nella zona residenziale del presunto omicida della povera Pamela.
Sull’episodio della Sea Watch 3, tanta gente ha dato il libero sfogo contro il capitano Carola Rackete con un odio sessista insopportabile, insulti e offese di ogni genere.
Altri fatti accaduti più o meno gravi, sono solo la punta di un iceberg fatto di gruppi, movimenti, associazioni e partiti che fanno riferimento più o meno direttamente al nazi-fascismo.
Credo che dobbiamo impegnarci singolarmente e collettivamente nello sforzo di mutare un orientamento della nostra società che rischia di portarci lontano, verso un orizzonte molto oscuro, in un futuro tenebroso molto diverso da quello che sognavano i nostri padri costituenti.
Serve quindi una presa di posizione anche da parte della nostra Amministrazione, come è già avvenuto nel Comune di Pesaro con il sindaco Matteo Ricci il 19 dicembre 2017.
Auspichiamo che anche altre Amministrazioni italiane si impegnino concretamente in favore dei valori antifascisti su cui poggia la nostra Costituzione, dobbiamo preservarla ed attuarla con tutte le nostre forze, dobbiamo trasmettere ai nostri figli la ricchezza del diverso che porta alla vera crescita della persona e di tutta la società.

Vi ringrazio

Sauro Bigelli
Consigliere Comune di Mondavio