giovedì 25 Aprile 2024
Articoli 2021

Risultato delle elezioni comunali a Mondavio

Sono oltre 1.100 i comuni italiani i cui cittadini sono stati chiamati il 3 e 4 ottobre a votare per designare i nuovi sindaci, tra i quali anche Mondavio, che dopo cinque anni di amministrazione monocolore ha potuto nuovamente scegliere tra due liste di candidati: quella del primo cittadino uscente Mirco Zenobi e quella dello sfidante Girolamo Martino, ex consigliere comunale rimasto in forza all’amministrazione dello stesso Zenobi per pochi mesi.

Il responso delle urne, chiuse alle 15, è arrivato nel tardo pomeriggio, con la conferma della vittoria di Mirco Zenobi e della sua lista “Per un futuro comune”. I dati pubblicati nel sito comunale hanno evidenziato un’affluenza del 59,35%, pari a 1.905 votanti su 3.210 aventi diritto, in aumento rispetto al 2016, quando la partecipazione degli elettori si attestò al 54,19% (1.799 su 3.320) e permise di superare lo scoglio del quorum scongiurando il commissariamento del comune. Più in particolare, l’affluenza maschile è stata pari al 59% (944 su 1.600 iscritti) mentre quella femminile è stata leggermente superiore, pari al 59,69% (961 su 1.610 iscritte). L’affluenza maggiore si è registrata nel seggio n. 2 di San Michele al fiume (64,43%), seguito dal n. 1 di Mondavio capoluogo (61,48%) e dal n. 4 di San Filippo sul Cesano (58,71%); fanalino di coda il seggio n. 3 di Sant’Andrea con un modesto 45,91%. Le schede bianche sono state 18, quelle nulle 34, mentre nessuna scheda è stata contestata: numeri in diminuzione rispetto a cinque anni fa, quando le schede non valide furono rispettivamente 98, 77 e 0. La lista n. 2 “Per un futuro comune” di Zenobi ha conquistato 1.323 voti, pari al 71,40% delle schede valide, mentre la n. 1 “Mondavio Città Nuova” di Martino ne ha ottenuti 530, pari al 28,60%. Nello specifico la lista del sindaco uscente ha ottenuto il suo maggior successo nel seggio di Sant’Andrea, dove ha conquistato il 78,06% dei voti validi, e il peggiore in quello di San Filippo, dove ha raggiunto solamente il 65,14%: due risultati forse inaspettati, mentre San Michele con il 73,20% e Mondavio con il 70,21% si sono di poco discostati dalla media e probabilmente anche dalle attese. Di contro il candidato Martino ha potuto contare sul 34,86% dei voti di San Filippo, il 29,79% di Mondavio, il 26,80% di San Michele e il 21,94% di Sant’Andrea. Ad affiancare il neo eletto sindaco Zenobi nella maggioranza saranno gli otto aspiranti consiglieri della sua lista che hanno realizzato più preferenze: Davide Albani (che ha ottenuto 202 voti), Thomas Tarsi (171), Lazzaro Marchetti (73), Alice Bonifazi (72), Sergio Mancini (72), Alessia Mantoni (72), Sauro Bigelli (66) e Roberta Galassi (63). Sono quindi rimaste escluse le candidate Alessandra Belogi (52 preferenze), Cristina Ambrosini (26), Valentina Gasperini (25) e Daniela Montalbini (12). Da notare come tutti e quattro i consiglieri uscenti che si ricandidavano per un secondo mandato, cioè Albani, Bonifazi, Bigelli e Galassi, siano riusciti a rientrare tra gli eletti della propria lista. Il nuovo responsabile della minoranza Girolamo Martino verrà invece affiancato da tre consiglieri: Gianmaria Mattioli (che ha ottenuto 129 preferenze), Edoardo Carboni (71) e Arianna Bottin (33). Niente da fare per Alberto Bellagamba (21 voti), Luigi Lupi (15), Susanna Gaudenzi (9), Gloria Fodaroni (1), Pietro Rossi (0) e Gabriele Cancellieri (0). Chi volesse approfondire la distribuzione delle preferenze nei vari seggi può consultare il sito istituzionale del comune di Mondavio nella sezione dedicata alle elezioni 2021.

Nel pomeriggio, ad urne chiuse, alcuni aspiranti consiglieri e alcuni elettori curiosi si sono ritrovati presso il seggio di Mondavio per attendere i risultati complessivi, raggiunti più tardi da Zenobi; da un giro di confronto delle cifre dei primi risultati non c’è voluto molto per capire che il primo cittadino uscente era stato riconfermato e chi era stato scelto per comporre la maggioranza chiamata ad affiancarlo nel prossimo quinquennio. Intervistato da un’emittente locale, Zenobi ha espresso la propria emozione e la soddisfazione per il risultato che ha premiato quanto fatto negli ultimi anni e per il lavoro di tutta la squadra, composta da tanti giovani e da tanti nuovi elementi. Il primo cittadino si prenderà qualche giorno per chiarire le idee, impostare la squadra e ripartire a lavorare. Nel programma di lavoro il sindaco ha ricordato un contributo importante per un centro per la famiglia, i progetti nel sociale, nella manutenzione delle strade e nelle scuole, insomma “si lavora a 360 gradi”.

Entro dieci giorni dalla proclamazione degli eletti il neo sindaco dovrà convocare il primo consiglio comunale, che si dovrà tenere entro dieci giorni dalla convocazione: avremo quindi a breve la possibilità di vedere in azione i nuovi amministratori chiamati a guidare il nostro comune per i prossimi cinque anni. Nel frattempo a tutti loro va un ringraziamento per la disponibilità ad occuparsi del bene pubblico e l’augurio di buon lavoro.