martedì 28 Maggio 2024
ArticoliArticoli 2010

Mozione di censura al sindaco di Corinaldo

turbogas.jpg
Venerdì 8 gennaio si è tenuto a Corinaldo un consiglio comunale straordinario relativo alla mozione di censura nei confronti del sindaco Livio Scattolini.

A presentare la mozione sono state le due liste di minoranza “Uniti per Corinaldo” e “Amare Corinaldo” e la motivazione la spiega Giuseppe Saccinto, capogruppo di Uniti per Corinaldo: “Abbiamo avanzato la richiesta di censura nei confronti del sindaco per lo scorretto comportamento che da tempo tiene nei confronti di tutta la comunità corinaldese. Nella questione della Turbogas, Scattolini ha tenuto all’oscuro tutti, dal Consiglio Comunale ai cittadini. Le parole dell’ingegnere della Edison Remartini sono chiare: il Comune sapeva già da un anno e non ha detto nulla. Ora vogliamo risposte. Ecco perché abbiamo fatto convocare urgentemente il Consiglio“.

La richiesta dei gruppi di opposizione è stata bocciata, non avendo i numeri in consiglio comunale, ma nonostante questo le tante persone intervenute hanno potuto ascoltare affermazioni importanti, ben riportate in un articolo diVivere Senigallia: <<[...] la giunta comunale corinaldese ha ammesso i contatti con la società Edison, sottolineando però il carattere informativo. In prima persona, è stato soprattutto l'assessore Ferdinando De Iasi a trattare la questione. “Sapevo che circa nove mesi fa c’erano stati dei contatti con la Edison. Ma non per questo si parla di un via libera per un progetto. La Edison ha contattato il sindaco per prendere delle informazioni. Perché queste informazioni non sono venute fuori subito? Una questione di cautela e riservatezza. Se non fosse arrivato nessun progetto avremmo creato solo allarmismo.
Durante il dibattito consiliare anche l’ex vice sindaco Cesare Morganti, attuale assessore ai lavori pubblici, ha parlato di errori dell’amministrazione. “
La minoranza deve ritenersi soddisfatta di questo consiglio comunale. Non voteremo la loro censura ma ci auto censuriamo. Certamente come maggioranza ci prendiamo la responsabilità di una tempistica e di un modo di affrontare la questione sbagliato. Responsabilità che solo questo Consiglio Comunale ha avuto il coraggio di prendersi. Non lo hanno fatto né la Regione né tanto meno la Zipa.”>>

A breve, su proposta del consigliere di minoranza Piergiorgio Montesi, potrebbe essere presentato un altro documento di censura rivolto agli organi della Zipa.
Potete scaricare e leggere qui il documento di censura presentato al Sindaco di Corinaldo