martedì 25 Giugno 2024
ArticoliArticoli 2014

2014: l’anno più caldo

2014-happy-new-year-wallpaper.jpg
L’anno che si sta per
chiudere segnerà il record per il riscaldamento del Pianeta Terra,
l’anno più caldo dall’inizio dell’era industriale. Secondo i dati
dello statunitense National Oceanic and Atmospheric Administration,
tra gennaio e novembre 2014 la temperatura media globale misurata al
suolo e sulla superficie degli oceani ha superato di 0,68 gradi la
media del XX secolo (pari a 14 gradi).

Lo stesso allarme era
stato lanciato anche dall’Organizzazione meteorologica mondiale ai
primi di dicembre, alla Conferenza annuale sul clima organizzata
dall’Onu in Perù. Le emissioni di anidride carbonica, che vedono
Cina e Stati Uniti in cima alla classifica dei Paesi inquinanti, e
quelle di altri gas serra continuano a far salire la temperatura. In
particolare l’Organizzazione meteorologica mondiale ha segnalato le
temperature elevate degli oceani.

Anche per l’Italia il 2014
sarà l’anno più caldo dal 1800, secondo la Banca dati climatologica
dell’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Cnr di
Bologna. In particolare il mese di novembre è il più caldo degli
ultimi duecento anni.

L’ultimo rapporto dell’Onu
sul clima ci dice che la Madre Terra non può superare i due gradi
rispetto all’epoca pre-industriale, oltre il quale si possono
configurare scenari catastrofici. Al momento la temperatura è
cresciuta di 0,86 gradi.

Nel 2015 a Parigi, alla
prossima conferenza sul clima, si capirà quanto la Politica potrà
intervenire, intanto il climatologo del Cnr Antonello Pasini, ci
informa che “per abbassare di due gradi la temperatura dovremmo
tagliare le emissioni tra il 40 e il 70 per cento entro il 2050
rispetto ai livelli del 1990
“.