sabato 13 Aprile 2024
ArticoliArticoli 2012

India e Cina i più virtuosi

cina-india.jpg
Un’indagine del National
Geographic su 17 Paesi dimostra che i più ecologisti sono gli
indiani e i cinesi, mentre dagli statunitensi vengono i comportamenti
peggiori.

E noi che credevamo che i
più indisciplinati fossero proprio loro, i Paesi emergenti. Noi che
eravamo sicuri che la Cina, l’India e il Brasile, con le loro
economie in stato di grazia, rincorressero le superpotenze passando
come caterpillar sopra gli interessi ambientali del pianeta.

Gli Stati Uniti, come
detto, sono all’ultimo posto. La patria del capitalismo ha fatto
dell’usa e getta la propria cultura. Nel rapporto si legge infatti:
“Non solo i consumatori Usa hanno l’indice più basso ma sono
anche quelli che si sentono meno in colpa. Solo il 21% prova questo
sentimento, nonostante quasi metà degli intervistati abbia affermato
che crede che le scelte individuali possano aiutare l’ambiente”.
Poco meglio degli Usa fanno Canada e Giappone.

L’indagine utilizza
l’indice Greendex grazie a questionari su consumi e stili di vita,
oltre che sul proprio atteggiamento personale nei confronti delle
scelte fatte: uso dei mezzi di trasporto, utilizzo di energia,
preferenze nel cibo e metodi di smaltimento dei rifiuti.